inbound-marketing-metodologia

The importance of being…inbound

Alessandro Martelli Inbound Markerting, Uncategorized 1 Comment

L‘inbound marketing negli ultimi anni è diventato il miglior strumento di marketing digitale utilizzato, il quale permette di trasformare sconosciuti in clienti e perfetti promotori del tuo business.
Gli obiettivi dell’ inbound marketing sono (in ordine cronologico):
• ottenere visitatori
• convertirli in leads
• trasformarli in customers
• trasformali in promotori del tuo business

Le fasi dell’ Inbound Marketing

Inbound marketing
Attract: in questa fase il potenziale cliente ancora visitatore viene attratto da contenuti di suo interesse tramite ad esempio un’ attività di blogging e keywords;

Convert: in questa fase lo “straniero visitatore” diviene un contatto attraverso la compilazione di forms di, calls-to-action e landing page in cui lascia le proprie informazioni ;

Close: Il contatto usufruisce dei servizi offerti come ad esempio download di ebook, acquisizione di nostri prodotti/servizi e/o offerte speciali;

Delight: da cliente, il visitatore iniziale diventa promoter della vostra attività e pertanto verra’ monitorato e “deliziato” . Questa fase e’ la peculiarità di questo processo, in quanto, a differenza del post vendita, mira alla costruzione di una relazione solida e duratura con il cliente, non incentrata solo nel fornire assistenza tecnica/commerciale sul prodotto che ha acquistato, ma piuttosto fa leva sulla componente emozionale, facendolo sentire un protagonista importante, parte del progetto.

Principalmente, ad essere mutato è il paradigma di approccio al marketing digitale: a differenza delle vecchie tecniche classiche di outbound marketing, il quale prevedeva di sferrare un attacco massiccio verso il cliente tramite acquisizione di mailing lists, leads, campagne dispendiose di adv ecc…, l’inbound marketing si focalizza sul creare contenuti di qualità che spingono autonomamente il cliente verso il proprio prodotto e il proprio business tale da generare traffico in entrata in maniera spontanea.

Le fasi di una corretta condivisione di contenuti secondo l’inbound marketing possono essere riassunte quindi in:
• Creazione di contenuti d’interesse
• Personalizzazione del messaggio da veicolare
• Condivisone multicanale del proprio contenuto
• Raggiungere il cliente potenziale (ancora semplice visitatore) nel luogo giusto, al momento giusto, con il giusto messaggio.

Dunque questa nuova metodologia, include ogni passo necessario, gli strumenti da utilizzare, e tutte le fasi di marketing, dal visitatore sconosciuto al cliente. Aiuta il marketing ad attirare nuovi visitatori, a convertirli in potenziali contatti, in clienti attivi e in fantastici promotori.

Questa metodologia dimostra che l’inbound marketing non arriva per caso, sei tu a crearti il tuo ambiente di riferimento. Tutto questo utilizzando strumenti e applicazioni che ti aiutano a creare e distribuire contenuti in grado di attirare le persone giuste (profilo acquirente ideale) nel posto giusto (canale comunicazione) al momento giusto (ciclo di vendita).

Pertanto il segreto di questo approccio sara’ quindi combinare il fattore conoscenza e rilevanza dei contenuti, orientarli verso il target giusto per voi individuato (analisi buyer personas e user’s journeys), attrarli e soddisfare le loro esigenze tale che diventino successivamente la cassa di risonanza e i primi promoters del vostro brand.

Share it and choose your platform

Comments 1

  1. Pingback: Content Marketing: come e perché utilizzarlo nelle aziende - Digital U 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *